Weimar. Il giardino dei piaceri di Granand

In uscita a luglio 2024.

Ambientati tra i club scintillanti e le strade malfamate della Berlino degli anni Venti (con alcune deviazioni a Milano e a Parigi), questi racconti affascinanti, spiritosi ed erotici catturano le difficoltà e i trionfi della vita queer del primo Novecento. Granand, nome d’arte del regista teatrale e autore Erich Ritter von Busse, ha perso la sua battaglia contro la censura bigotta ma ha conquistato un posto di rilievo nella storia della letteratura. Invece di attenersi alla dicotomia cattivo/vittima, che ancora oggi inquina certe narrazioni LGBTQIA+, queste storie rivelano con verve e compassione le complessità del cuore umano, senza giustificazioni o vergogna.

Categoria:

Granand (1885-1939), nome d’arte del regista e autore teatrale Erich Ritter von Busse, che nel 1919 diresse la prima in lingua tedesca dell’opera di James Joyce Exiles a Monaco, fu costretto all’esilio negli anni Trenta, e morì in Brasile senza aver mai visto la pubblicazione della sua opera.

P.I. IT04822280279

© 2024. Tutti i diritti riservati.

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.